F.A.I.S.federazione associazioni incontinenti e stomizzati
MAILING LIST
rimani aggiornato:
iscriviti cancellati
EVENTI
MAPPA INTERATTIVA
news
Associazioni

Centri cura
UTENTI
 Iscritti Mailing-List:458 
 Iscritti Forum:1108 
 On-line Chat:
 On-line Forum:
Membri 0 
Anonimi
Ultimo messaggio:
15 Luglio 2019 alle 09:20:02 da cyylyy1
STOMIZZATI, F.A.I.S., fais, stomia, incontinenti, incontinenza, www.fais.info, federazione, associazione, associazioni,  servizi, torino, Torino, TORINO, contatti, info@fais.info, ostomy, ritrovarci, ritrovarsi, statuto, ostomy, association, international, european, ioa, eoa 
logo SARDEGNA

 ASSOCIAZIONI  >  SARDEGNA - ASISTOM Mappa
Associazione Sarda Incontinenti e Stomizzati
Sede
    Indirizzo: c/o Rocco Nicosia Via Bellini, 26 - 09128 Cagliari
    Telefono: 338.2576811                Fax: 070.494587
    E-mail: rocco.nicosia@tiscali.it      
Presidente
    Nome: Rocco Nicosia


REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL'IGIENE SANITÀ E DELL'ASSISTENZA SOCIALE ALLEGATO 1
Linee regionali di indirizzo per l'assistenza ai portatori di stomia Le presenti linee di indirizzo riguardano l'assistenza sanitaria ai portatori di stomia e sono finalizzate a garantire omogeneità di interventi su tutto il territorio regionale. I soggetti stomizzati sono pazienti ai quali a seguito di un intervento chirurgico è stato attuato un nuovo collegamento provvisorio o permanente tra cavità interne del corpo e l'esterno attraverso il confezionamento di uno o più stomi cutanei. A seconda dell'organo interessato alla stomizzazione si distinguono: · soggetti portatori di urostomie: nefrotomie, ureterostomie, ureteroileocutaneostomie, cistostomie; · soggetti portatori di stomie intestinali: ileostomie e colostomie. · soggetti portatori di tracheostomie I livelli essenziali di assistenza che devono essere assicurati ai soggetti portatori di stomia comprendono in particolare: 1. la fornitura di presidi sanitari utili a garantire la funzionalità ed a migliorare le condizioni di vita dei pazienti, riferita anche alla qualità della vita di relazione, e la informazione sulle modalità di concessione degli stessi; 2. gli interventi di riabilitazione funzionale e di addestramento alla gestione autonoma della stomia; 3. le attività di sostegno psicologico; 4. il controllo periodico della funzionalità e della condizione della stomia anche ai fini della prevenzione e della diagnosi precoce delle complicanze; 5. gli interventi di assistenza domiciliare, in particolare per soggetti anziani o non autosufficienti. 1. Il percorso assistenziale Il percorso assistenziale del paziente a cui potrà essere apportata una stomia inizia con la presa in carico da parte del medico di medicina generale in base a un sospetto diagnostico. Il medico di base attiverà tutti i necessari approfondimenti specialistici e manterrà ogni necessario raccordo con le strutture chirurgiche specialistiche e ospedaliere. Dal momento in cui viene posta l'indicazione chirurgica il paziente viene preso in carico dall'unità specialistica ospedaliera che utilizzerà le diverse forme organizzative (ambulatorio, day hospital, degenza ordinaria) in relazione al momento del percorso diagnostico, terapeutico e riabilitativo ed alla complessità del caso.1/ 4

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL'IGIENE SANITÀ E DELL'ASSISTENZA SOCIALE
Sin dalle prime fasi il paziente dovrà essere informato sulla diagnosi, sull'intervento, sulla stomia che verrà effettuata e sulle modalità di gestione della stomia dopo l'intervento. Sarà fondamentale assicurare da subito un adeguato supporto psicologico, che dovrà essere continuato anche successivamente a fianco di una attività di informazione sui presidi di cui sarà necessario fornirsi e di addestramento alla gestione in autonomia della stomia. Importantissima è infatti la fase della riabilitazione postoperatoria che dovrà iniziare precocemente nel reparto durante il ricovero e dovrà proseguire dopo la dimissione. Apposito personale infermieristico con specifica formazione in stomaterapia dovrà essere disponibile per questa attività e per assicurare un punto di riferimento a cui il paziente possa rivolgersi anche per ogni problema che dovesse insorgere; si potrà così attraverso una corretta riabilitazione garantire al paziente una migliore qualità della vita assicurando un più facile reinserimento nella vita sociale anche tramite azioni di prevenzione e di diagnosi precoce delle complicanze. Nei casi in cui non sia possibile l'accesso del paziente ai servizi ospedalieri e territoriali di riferimento dovrà essere possibile l'attivazione di interventi di assistenza domiciliare, che potrà essere attivata su richiesta del medico curante. Per garantire un percorso assistenziale adeguato è necessario che le Aziende USL attivino protocolli di coordinamento tra presidi ospedalieri e servizi territoriali sia per l'erogazione di prestazioni specialistiche e di riabilitazione che per l'erogazione dei presidi ed ausili necessari per la gestione delle stomie. 2. Attività e funzioni dei reparti ospedalieri Nei reparti ospedalieri in cui vengono effettuati interventi chirurgici con costruzioni di stomie devono essere assicurate le seguenti attività: · informazione e colloquio sulla diagnosi e sulla tipologia dell'intervento chirurgico e sulle tecniche di scelta della stomia. Tale attività dovrà essere svolta attraverso la costante presenza della figura professionale dello psicologo che sarà di supporto al paziente, ma anche allo stesso personale della struttura. In particolare, sarà affidato allo psicologo il compito di intervenire in fase prechirurgica per preparare il paziente al suo futuro da stomizzato ed in fase postchirurgica per affiancarlo in ogni sua necessità supportandolo per eventuali ulteriori scelte chirurgiche; · valutazione postoperatoria, con indicazioni ai fini della gestione della stomia; · orientamento nella scelta dei presidi protesici più adeguati alle necessità cliniche ed assistenziali dello stomizzato anche con consegna in prova, al momento della dimissione, di una ampia gamma di ausili per stomie tra le diverse tipologie adatte al paziente allo scopo di testare la compatibilità fisica e biologica tra il dispositivo protesico e il paziente; · costante informazione e collaborazione con il medico di base dell'assistito.2/ 4

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL'IGIENE SANITÀ E DELL'ASSISTENZA SOCIALE
· compilazione del programma definitivo, una volta raggiunta la stabilizzazione dello stoma, per la fornitura dei dispositivi protesici che dovranno essere assicurati mediante forme di erogazione che permettano una facile accessibilità all'utenza sia con fornitura diretta da parte delle Aziende sanitarie tramite il reparto ospedaliero o attraverso le farmacie convenzionate; · attivazione delle eventuali consulenze specialistiche con oncologo (per valutare l'ipotesi di trattamento chemio-terapico), radioterapista (per valutare eventuali necessità di terapia radiante), urologo (per valutare e trattare eventuali complicanze dell'apparato urinario), andrologo (per valutare e trattare eventuali compromissioni della sfera sessuale maschile), gastroenterologo (per valutare e trattare eventuali complicanze gastroenteriche), ginecologo (per valutare e trattare eventuali complicanze ginecologiche), neurologo (per valutare e trattare eventuali complicanze che coinvolgano le strutture nervose); dovranno essere garantite anche le necessarie consulenze per pazienti stomizzati ricoverati in struttura non chirurgiche; · integrazione tra le strutture ambulatoriali ospedaliere e i distretti socio-sanitari, in particolar modo per il supporto domiciliare nei confronti dei pazienti immobilizzati presso il proprio domicilio. · stesura del programma riabilitativo orientato alla corretta gestione della stomia, anche in relazione alle implicazioni di carattere sociale. Tale programma è caratterizzato come segue: 1. gestione della stomia; 2. addestramento all'irrigazione delle colostomie sinistre; 3. consigli dietetici; 4. interventi educativi agli utenti e ai familiari; 5. gestione dei dispositivi protesici, follow-up della stomia e controllo in stretto rapporto col medico di base e con gli specialisti competenti. 3. Presidi concedibili e condizioni di concedibilità I presidi concedibili sono quelli ricompresi nella categoria degli AUSILI PER STOMIE contraddistinti dal codice di classificazione ISO 09.18 e degli AUSILI PER TRACHEOTOMIA contraddistinti dal codice ISO 09.15 riportati nell'allegato 2 al D.M. 332/99 relativo al Nomenclatore Tariffario dell'assistenza protesica. I presidi possono essere erogati direttamente dal reparto ospedaliero che segue i pazienti portatori di stomie o ritirati nelle farmacie convenzionate . Nelle more di definire i prezzi scaturenti da gare di appalto cosi' come previsto dal D.M. 332/99 i prezzi di rimborso alle farmacie convenzionate sono quelli, a parita' di ausilio, previsti nel tariffario della protesica del 1992, come finora operato. Nella tabella A si riporta l'elenco dei presidi che ricadono in questa fattispecie. Per i presidi non inseriti nel nomenclatore tariffario del 1992, al fine di evitare disagi per gli assistiti e per garantire uniformità in ambito regionale, si definiscono in ambito regionale i prezzi di riferimento 3/ 4

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELL'IGIENE SANITÀ E DELL'ASSISTENZA SOCIALE
riportati nella tabella B, che sono stati determinati, d'intesa con le Associazioni Provinciali dei titolari di farmacia, sulla base dei prezzi di listino scontati del 15%. Nelle tabelle A e B, sono quindi riportati i presidi di interesse, con l'indicazione per ciascuno di essi del codice di riferimento, del numero dei pezzi concedibili e del prezzo di riferimento, nazionale o regionale a seconda del caso. 4. Assistenza infermieristica e psicologica Ai pazienti deve essere assicurata, per tutto il periodo necessario ad acquisire autonomia nella gestione della stomia, la consulenza, presso i reparti ospedalieri preposti, da parte di infermieri professionali che hanno acquisito esperienza in stomaterapia o con specifica formazione acquisita mediante corsi ECM. Tali prestazioni infermieristiche sono rese sulla base di prescrizione del medico di base che dovrà riportare la richiesta di "consulenza stomaterapica", riconducibile alla prestazione codice 93.03 (valutazione o verifica di protesi ed ausili) con applicazione della tariffa di euro 7.75 del nomenclatore tariffario della medicina specialistica. Al fine di assicurare la presenza di operatori qualificati in tutte le Aziende USL, sarà attivato un programma regionale di formazione ECM, per formare operatori con conoscenze scientifiche e tecniche necessarie a svolgere assistenza infermieristica in stomaterapia ed in riabilitazione dell'incontinenza urinaria e fecale. Ai pazienti deve essere assicurata consulenza da parte dello psicologo sia nella fase precedente sia in quella successiva all'intervento chirurgico. Le prestazioni, quando erogate nell'ambito dell'episodio di ricovero ospedaliero, sono ricomprese nel DRG. Le prestazioni effettuate in regime ambulatoriale, sulla base della prescrizione del medico di base che dovrà riportare la richiesta di "consulenza psicoterapica per paziente stomizzato", riconducibile al codice 94.3, sono remunerate sulla base della tariffa di euro 18,80 del nomenclatore tariffario della medicina specialistica. Ove necessaria, la psicoterapia familiare, riferita al codice 94.42, è remunerata sulla base della tariffa di euro 22,60 come previsto dal Nomenclatore tariffario della medicina specialistica. 5.Collaborazione con le Associazioni dei Pazienti Le associazioni dei pazienti stomizzati sono chiamate a svolgere un ruolo importante di supporto intervenendo a pieno titolo in tutte le fasi di informazione generale e di sostegno psicologico agli utenti sia mediante la predisposizione di materiale informativo che sara' messo a disposizione presso le sedi di assistenza e di riabilitazione aziendali sia anche assicurando la propria presenza negli spazi ospedalieri comunemente riservati alle associazioni di volontariato. 4/ 4



Numero verde
Recitare se stessi
Recitare se stessi
RICERCA
Google

Istituzioni
Dove
Pagine Bianche  
WEB
RSS Feed FAIS
Wikipedia FAIS
Gruppo Facebook
Add to Google
Add Gadget to Google
My Yahoo! Fais
My MSN Fais
Add to My AOL
Aggiungi Contatto Outlook Fais
Windows Live
GoogleEarth Placemark
Valid XHTML 1.0 Transitional
Valid CSS
WCAG 1.0
Noi aderiamo ai principi della carta HONcode della Fondazione Health On the Net
Noi aderiamo ai principi HONcode
verify here
F.A.I.S. - ONLUS - aggiornato il 04/08/2009 Tutti i diritti riservati  © Copyright stomia fais  webmaster - disclaimer